loader
Centro Distribuzione Barf

7 PROFESSIONI CANINE: quando il cane è davvero il miglior amico dell’uomo!


27 Gennaio 2020

Quando si pensa ad un cane “al lavoro” siamo tutti abituati a pensare ai cani poliziotto, che vediamo nelle nostre città (e anche nelle serie TV!); questa è però solo una piccola parte dei compiti che i nostri amici a 4 zampe svolgono a fianco dell’uomo! Oggi infatti sono davvero tanti gli ambiti operativi in cui i cani diventano protagonisti! Molto spesso altamente all’avanguardia.

Vediamo insieme in questo articolo una panoramica sulle 7 professioni canine più affascinanti o meno conosciute.
 

I CANI POLIZIOTTO

La prima professione è quella di “cane poliziotto”, più precisamente quelle impiegate si chiamano in gergo tecnico unità cinofile. Con questo termine si intende il binomio formato da un cane, debitamente addestrato, e dal suo conduttore, parte delle forze dell’ordine. Le unità cinofile, a seconda delle caratteristiche dei cani, sono impiegate:

  • in operazioni di polizia giudiziaria, per:

 

  1. localizzare e seguire tracce di ricercati
  2. segnalare la presenza di persone nascoste
  3. rintracciare oggetti o indumenti nascosti
  4. fornire indicazioni, sulla base di oggetti o indumenti rinvenuti sul luogo dove sia stato commesso un reato, circa l'eventuale partecipazione al fatto di altre persone
  5. localizzare esplosivi, armi, stupefacenti, resti umani, tracce di sangue, acceleranti d'incendio

 

  • nei servizi preventivi, come:

           

  1. segnalare la presenza di persone nascoste
  2. inseguire e bloccare i soggetti in fuga
  3. ispezionare boschi, zone impervie, casolari, anfratti, grotte, ecc., nel corso della ricerca di latitanti o altri ricercati
  4. garantire la sicurezza di unità che agiscono in particolari condizioni ambientali

 

  • in operazioni di soccorso, ad esempio per:

 

  1. ricercare persone travolte da valanghe (tale compito è affidato in particolare alle unità cinofile che operano a supporto del Centro carabinieri addestramento alpino)
  2. ricercare persone disperse in caso di pubbliche calamità come terremoti, alluvioni, inondazioni, crolli, esplosioni, ecc.

 

  • in operazioni militari, per:

 

  1. ricognizione
  2. rilevamento esplosivo
  3. attacco
  4. intimidazione

     

I CANI “MOLECOLARI”

La seconda professione riguarda quei cani operativi (e fondamentali) in attività di ricerca e rilevamento. Come fanno ad essere così infallibili? Sfruttano ovviamente il loro olfatto sviluppatissimo! Alcuni cani particolarmente specializzati, soprattutto grazie alla loro selezione di razza, vengono chiamati “cani molecolari” poiché sono in grado di distinguere anche le più piccole particelle di odore (le “molecole” appunto), memorizzando e associando le tracce, in modo da non perderle. Questi animali sono in grado di seguire un individuo appena passato, ma anche persone transitate in un intervallo di tempo molto lungo. Sono purtroppo fondamentali in tanti fatti di cronaca, ma anche nella quotidianità.
Un esempio nella nostra zona?

L’AREA S1 DI MALPENSA

La presenza sempre più costante dei cani molecolari, nelle professioni canine legate alle forze dell’ordine, ha permesso il loro impiego sul campo in una struttura all’avanguardia nell’aeroporto di Malpensa, chiamata “AREA S1”. Situata all'interno del Terminal 2, si occupa del riconoscimento e pronto intervento riguardante eventuali “corrieri della droga”: persone che ingeriscono o trasportano all'interno del proprio corpo ovuli contenenti sostanze stupefacenti, con lo scopo di superare i controlli. Si tratta della più moderna struttura in Europa nel settore aeroportuale volta a combattere il traffico di droga dei corrieri della droga!
 

CANI DA SALVATAGGIO

Sono tutti quei cani impegnati in attività di salvataggio di persone disperse o in pericolo di vita. Operano spesso in contesti e situazioni particolarmente rischiose. Ne citiamo due in ambito salvataggio e soccorso:

  • cani da salvataggio nautico: sono le unità cinofile da salvataggio in acqua, generalmente gestite dalla Protezione Civile Nazionale. Sono solitamente razze portate al contatto con l’acqua e ottimi nuotatori!
     
  • cani da valanga: sono cani addestrati per la ricerca delle persone disperse sotto una valanga e sono anche loro gestiti dalla Protezione Civile o dal Soccorso Alpino. Si tratta ovviamente di razze con caratteristiche morfologiche adatte al clima freddo e alla neve!

     

CANI PER ATTIVITÀ PRODUTTIVE

Le attività umane che riguardano l’agricoltura e la pastorizia hanno sempre avuto bisogno dell’aiuto dei nostri amici a 4 zampe; ed è probabilmente proprio con il passaggio dell’essere umano da cacciatore/raccoglitore ad agricoltore che l’amicizia è diventata una vera collaborazione. Parliamo quindi delle professioni canine più antiche, come ad esempio quella del CANE PASTORE – dove il cane è in grado sia di condurre il movimento delle greggi sia di avere una funzione di sorveglianza. Ci sono poi i cani che ci aiutano in alcune attività particolari e assolutamente moderne: pensiamo ad esempio ai CANI DA TARTUFO, indispensabili cercatori di questo prelibato fungo, il cui talento è prezioso e…remunerativo!

 

CANI PER SUPPORTO MEDICO

Ricerche scientifiche condotte in tutto il mondo negli ultimi anni ci confermano che i cani possono aiutare nell’individuare varie patologie (o preannunciarne il manifestarsi di crisi), grazie alla loro sensibilità olfattiva a specifici “marker” biologici. Come per i cani da assistenza di cui parleremo dopo, i cani per supporto medico rappresentano una nuova frontiera nelle moderne professioni canine, ad esempio: 

  • Cani da allerta DIABETE: capaci attraverso il loro fiuto di rilevare con molto anticipo le crisi ipo-iperglicemiche e molte crisi notturne anche potenzialmente mortali, avvisando il proprietario-malato. Quest’ultimo riesce così a evitare in molti casi l’ospedalizzazione o conseguenze ben peggiori!
     
  • Cani da allerta EPILESSIA: come nel caso del diabete, il cane è in grado di comunicare al proprietario il possibile manifestarsi di una crisi epilettica con largo anticipo, mettendolo così in guardia in modo da non subire traumi da caduta in seguito alla perdita dei sensi;
     
  • Marker biologici del CANCRO: è del 1989 è il primo resoconto scientifico di una diagnosi di melanoma facilitata da un cane che annusava ossessivamente una lesione che la sua padrona aveva sulla coscia. Pur non essendo ancora disponibili per questa categoria dei dati clinici, dato l'elevato numero di aneddoti riportati e di ricerche in corso in varie università del mondo, può essere ragionevole pensare che nei prossimi anni avremo davvero un supporto reale da cani specificamente formati per questo tipo di “pre-diagnosi”.

 

CANI DA ASSISTENZA

Un cane d'assistenza è un cane allenato per aiutare o assistere un individuo con una disabilità psico-fisica. Molti sono allenati da un'organizzazione di volontariato. I cani da assistenza sono ad esempio:

  • I CANI GUIDA: utilizzati generalmente da persone non vedenti, ipovedenti o affette da sordità; sono addestrati per aiutare queste persone a superare gli ostacoli e avere una vita “semplificata”. Non sono però le sole attività dei cani guida, esistono cani da assistenza per chi ha problemi specifici di mobilità.
     
  • CANI CHE LAVORANO IN STRUTTURE: parliamo di animali che sono gestiti da professionisti operanti in particolari centri e comunità. Ci sono ad esempio i cani utilizzati in centri educativi e rieducativi (i vecchi “riformatori”), impiegati da insegnanti per facilitare l'interazione con gli studenti; oppure abbiamo cani utilizzati nelle carceri per progetti e attività di recupero sociale dei detenuti; ci sono cani utilizzati in centri di salute mentale, che spesso affiancano terapisti, psicologi e altri professionisti del settore medico per facilitare il recupero e la gestione dei sintomi dei pazienti; infine alcuni cani sono addestrati ad assistere portatori di disabilità psichica, come un disturbo post traumatico da stress, schizofrenia, depressione, ansia e disturbo bipolare.
     

PET THERAPY

Con il termine pet therapy si identifica in generale un intervento aggiuntivo che quindi aiuta e rinforza le tradizionali terapie; la pet therapy può essere impiegata su pazienti di qualsiasi età e affetti da diverse patologie con l'obiettivo di miglioramento della qualità di vita dell'individuo e del proprio stato di salute grazie alla rivalutazione del rapporto uomo-animale.

Un esempio meraviglioso di pet therapy è quello presente in alcuni centri per anziani non autosufficienti: mantenere il contatto con un animale migliora nettamente le condizioni di vita di queste persone, la presenza di cani o gatti (debitamente addestrati) stimola in loro benessere psicologico, oltre che un maggiore movimento fisico. Anche nel caso in cui un paziente non dimostri collaborazione spontanea con le varie figure medico-sanitarie e riabilitative, la presenza di un animale permette in molti casi di consolidare il rapporto emotivo favorendo il canale di comunicazione paziente-animale-medico.

____________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

Le professioni canine, sia quelle più classiche che quelle più recenti, richiedono cani in salute al 100%.
Del resto, nessun animale che non fosse al top della forma fisica potrebbe sostenerne il carico di lavoro e la responsabilità! 
Anche se il tuo cane è un animale da compagnia e non svolge una professione canina vera e propria, la sua alimentazione è fondamentale per mantenerlo sempre in salute.
Richiedi maggiori informazioni sui nostri prodotti: come per te, anche per gli animali la salute inizia a tavola!

CENTRO DISTRIBUZIONE BARF
SOLBIATE ARNO (VA)  

Tel: 0331.1830093

Email: info@centrodistribuzionebarf.it

Web: www.centrodistribuzionebarf.it